Rodiola: dimagrante, energizzante e antidepressivo naturale.

Rodiola Rosea
Bocciolo di Rodiola Rosea

PROPRIETÀ:

  • dimagrante
  • migliora gli stati depressivi
  • stimola l’attività mentale incrementando la concentrazione e il potenziale mnemonico
  • migliora la funzionalità cardiovascolare
  • aumenta la resistenza alla fatica

La Rodiola Rosea (Rhodiola Rosea), nota anche come radice d’oro o radice artica, è un fitoterapico che cresce ad alta quota nelle regioni fredde come l’Artico. Conosciuta sin dall’antichità per le sue proprietà adattogene, ovvero in grado di attivare sistemi di adattamento e di risposta a situazioni di forte stress psicofisico riducendone gli effetti negativi e ristabilendo gli equilibri corpo/mente. Ottimo dunque come coadiuvante capace di contrastare la stanchezza e il sovrappeso dovuti agli eccessi di una vita ed un’alimentazione sregolate, ripristinando la funzione del sistema immunitario e la salute cellulare.

Fonti storiche rivelano che la Rodiola veniva utilizzata già dai vichinghi come tonico e rinvigorente in seguito a prolungati sforzi fisici. In Svezia viene utilizzata come prodotto medico tradizionale e indicato come psicostimolante contro debolezza e affaticamento fisico. Molte ricerche indicano che la Rodiola è ottima per contrastare i disturbi di astenia (insonnia, inappetenza, ipertensione, mal di testa e declino delle prestazioni fisiche), depressione e sovrappeso.

Il rilascio di noradrenalina, un potente neurotrasmettitore che si occupa dell’attenzione e della vigilanza, è associato a sistemi di intensa energia, motivazione e concentrazione. Alti livelli di noradrenalina inoltre contrastano gli effetti dell’invecchiamento e prevengono la demenza senile.

Uno studio ha dimostrato che la Rodiola influisce sul disordine alimentare come un calmante. (Cifani 2010). Un altro studio ha mostrato la capacità di inibire l’attività delle lipasi, enzimi che metabolizzano i grassi nel sangue diminuendo sostanzialmente l’aumento dei trigliceridi dopo i pasti. (Kobayashi 2008).

Un altro principale ingrediente della Rodiola è il salidroside, primo responsabile ad indurre le cellule muscolari ad assorbire più glucosio imitando così l’effetto dell’insulina.

Schermata 2016-04-11 alle 14.39.48

Uno studio effettuato su 130 pazienti in sovrappeso ha prodotto una perdita media di 9 chili in tre mesi. Nei pazienti sedentari la lipolisi risultava aumentata del 17%, nei pazienti che facevano sport tale aumento raggiungeva il 44%.

L’azione dimagrante è inoltre legata alla capacità del Rosavin, il fitochimico con maggiore attività della Rodiola, che coinvolge direttamente la serotonina aumentandone i livelli del 30% nel sistema nervoso centrale, in grado quindi di eliminare il desiderio ossessivo dei carboidrati e svolgere un’azione sedativa, riducendo notevolmente la fame ansiosa, migliorando l’umore, il sonno, le funzioni cardiovascolari, le facoltà cognitive e la memoria.

I glicosidi contenuti nella radice sono pure capaci di incrementare i livelli di dopamina, sostanza in grado di trasmettere al sistema nervoso centrale un segnale di sazietà.


STUDI:

Citrus aurantium and Rhodiola rosea in combination reduce visceral white adipose tissue and increase hypothalamic norepinephrine in a rat model of diet-induced obesity. Link al sito

Cifani C, Micioni Di B MV, Vitale G, Ruggieri V, Ciccocioppo R, Massi M. Effect of salidroside, active principle of Rhodiolarosea extract, on binge eating. PhysiolBehav. 2010 Dec 2;101(5):555-62.

Kobayashi K, Yamada K, Murata T, Hasegawa T, Takano F, Koga K, Fushiya S, Batkhuu J, Yoshizaki F. Constituents of Rhodiolarosea showing inhibitory effect on lipase activity in mouse plasma and alimentary canal. Planta Med. 2008 Nov;74(14):1716-9. 3.

BIBLIOGRAFIA:

Giusti E.: “Droghe con attività adattogena”, Erboristeria Domani, n° 3, 1993

Saratikov A.S. et al.: Pharmazie, 23: 392, 1968

Zapesochnaja G.G., Kurkin V.A. and Shchavlinskii A.N.: F.E.C.S. Int.Conf.Chem.Biotechnol.

Hoppe H.A.: Drogenkunde, Bd. 1, pag. 987. 8 Aufl., Berlin, 1987

Petkov V.D. et al.: Acta Physiol. Pharmacol. Bulg., 1986; 12/3: 3

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento